Twitter alla griglia su un approccio politico che rafforza la misoginia

Twitter alla griglia su un approccio politico che rafforza la misoginia


Twitter ha subito una serie di domande imbarazzanti da parte del parlamento britannico per il suo continuo fallimento nell’affrontare gli abusi violenti rivolti alle donne.

Katy Minshall, responsabile della politica pubblica del governo dei social media, ha ammesso che deve fare di più per salvaguardare gli utenti delle donne, ma ha affermato che la società è “acutamente consapevole” dei problemi che le donne hanno su Twitter, dicendo che è in fase di revisione come applica le sue politiche per risolvere il suo lungo problema di misoginia.

“Siamo profondamente consapevoli dell’esperienza unica che le donne hanno su Twitter e dei cambiamenti che potremmo dover apportare nelle nostre politiche per ottenere questo diritto”, ha detto oggi pomeriggio alla sessione della commissione per i diritti umani sulla libertà di parola e la democrazia. “Siamo molto consapevoli del vero problema che le donne sperimentano sulla nostra piattaforma.”

I parlamentari hanno sollevato il problema di come Twitter ingiustamente applichi le politiche di condotta odiosa a seconda del sesso preso di mira, con la deputata Joanna Cherry che accusa la compagnia di mostrare uno schema di Tolleranza rilassata ai tweet che contengono violenti attacchi alle donne.

Ha contrapposto questo con esempi di intolleranza alacrita ai tweet che hanno sollevato il problema della violenza maschile – citando esempi di utenti che avevano sospeso temporaneamente i loro account Twitter per fare osservazioni di genere sapore maschile – come quello, in totale, gli uomini uccidono più delle donne.

O tweets che citano la legge inglese – che afferma che solo un uomo può commettere uno stupro.

“Qui sembrano esserci molti errori. E sembrano essere errori che non riescono a proteggere le donne. Lo accetti? “, Ha chiesto Cherry.”

C’è chiaramente una serie di passi che vogliamo prendere, dobbiamo prendere, ma siamo in un posto diverso rispetto a dove eravamo anche questa volta l’anno scorso “, ha detto inizialmente Minshall, prima di semplificare la sua risposta a “chiaramente c’è un problema qui da guardare” più avanti nella sessione di domande e risposte.

È stato chiesto di guardare alcuni esempi di tweet violenti che erano stati rivolti a donne, inclusi tweet i cui destinatari li avevano segnalati a Twitter – solo per sentirsi dire che non ha violato la sua politica di condotta odiosa.

Solo più tardi, dopo che le attiviste femministe, i giornalisti e Cherry stessa avevano twittato sulla decisione di Twitter di non prendere giù alcuni di questi tweets misogini, ha invertito il corso e rimuoverli.

La Minshall ha ammesso che uno dei tweet abusivi era stato rimosso la scorsa notte, dopo che Cherry aveva tweeted per attirare l’attenzione.

Un tweet citato durante la sessione ha raffigurato una figura di cartone animato con una foto di una vera mano che regge una pistola puntata verso lo spettatore, in cima alla didascalia “shut the fuck up terf” – “terf” è un termine di abuso che Cherry ha sottolineato tende ad essere applicato alle donne; un altro mostrava un video clip di un uomo che tagliava ripetutamente una donna nel collo che era stata attaccata a un tweet che diceva “cosa faccio ai terfs”; un terzo era ciò che Cherry definì “una rappresentazione molto spiacevole di un maschio che scuoiava una donna viva” – che disse che era stata inviata a una delle donne dopo che si erano lamentati su Twitter per aver ricevuto uno degli altri tweet violenti.

Minshall ha detto che credeva che tutti i tweet che Cherry aveva sollevato come esempi violassero le politiche di Twitter e avrebbero dovuto essere rimossi se non lo avessero già fatto. Anche se ha detto che non lavora nel team di sicurezza, cavando la sua risposta con: “Non sono l’esperto.”

Ha anche detto che cercare di moderare una discussione pubblica sui diritti dei transgender può essere “difficile” – portando Cherry a sottolineare che nessuno degli esempi contrari da lei sollevati erano in qualche modo offensivi nei confronti delle persone transgender.

“Quello che sto cercando di capire è il motivo per cui, inizialmente, il primo tweet – il taglio al collo – era regolato da Twitter. E perché ha preso l’intervento di un giornalista di primo piano, un eminente commentatore femminista e un membro del parlamento perché non si sentisse bene “, ha proseguito.”

Dobbiamo capire chi sta effettivamente portando avanti queste decisioni. Chi sta portando avanti la mediazione su Twitter. È fatto nel Regno Unito, è fatto in America, chi è fatto da. C’è qualche tentativo di equilibrio di genere all’interno delle squadre di persone che guardano questi tweet.

“Minshall ha detto che non poteva rispondere alla domanda sulla ripartizione di genere lì e poi – dicendo che avrebbe scritto al comitato con una risposta.

Cherry ha anche sottolineato che il sesso è una caratteristica protetta nella legge del Regno Unito e ha pressato Minshall diverse volte sul perché la politica di condotta odiosa di Twitter si applica solo al genere.

“Puoi dirci perché Twitter ha scelto di escludere il sesso dalla loro politica di condotta odiosa come caratteristica protetta? “chiese. “Mi chiedo se è questo che potrebbe andare storto qui? Che la formazione non stia coprendo il fatto che il comportamento sessista, misogino e umiliante dovrebbe essere trattato con la stessa gravità dell’abuso di, per esempio, le persone transessuali.”

Minshall ha detto che la politica di odio condotta da Twitter si basa sulle definizioni delle Nazioni Unite, sostenendo l’attuale politica che protegge il genere dovrebbe anche proteggere dalla misoginia – mentre ammette che c’è ancora un onere asimmetrico per le donne che usano Twitter per denunciare gli abusi.

Ha convenuto di dare seguito alla commissione per spiegare perché la politica di Twitter non include anche il sesso come caratteristica protetta.

“C’è molto che vogliamo fare per ridurre l’onere sui giornalisti “, ha detto. “Abbiamo regole in vigore in cui sarebbe una violazione indirizzare qualcuno sulla base del fatto che sono una donna – dove abbiamo bisogno di fare molto di più è di essere proattivi nel ridurre l’onere sulle vittime di segnalarcelo”.

In un altro momento durante la sessione ha detto che Twitter sta anche rivedendo la sua politica sulle molestie – dicendo che è preoccupato per il rischio che le donne vengano perseguitate tramite la piattaforma da ex-partner.

“C’è un problema specifico per le donne, tipicamente ex-partner, stalking su Twitter in modi che sono stati tradizionalmente difficili da individuare nelle nostre regole e vogliamo fare di meglio su questo “,  ha aggiunto.

 

Stay Tuned!

 

 

 


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu