Mi Max 3 – Grosso è bello!


Grosso e lungo, non sta nei pantaloni. Non siate maliziosi! Cosa avete capito? Sto parlando del
phablet per eccellenza di casa Xiaomi: il Mi Max 3.
Uno smartphone enorme, un mini tablet non adatto a tutti, ma davvero speciale.
A me è piaciuto tantissimo e vi dico perché.
Partiamo dalle specifiche.
Il display è un IPS da ben 6.9” in tecnologia FullHD+. I colori sono brillanti, sempre bilanciati e
mai eccessivamente sparati. Potrete godervi un film, guardarvi una partita, o giocare con il massimo
del comfort immaginabile. La qualità è superba: nitido e chiaro in tutte le condizioni di luce. Inutile
dire che navigare in internet con una diagonale del genere è una figata pazzesca. Dite infatti addio
alla modalità mobile e godetevi le pagine web nel loro formato originale, in visone desktop. Anche
sotto il sole e la luce diretta non rimarrete mai delusi. Se proprio devo trovare un difetto, la
luminosità in modalità automatica è un po’ lenta nel calibrarsi, dettagli però che non tolgono nulla
ad un display così performante.
A completare l’esperienza video vi è un audio in stereo di ottima qualità.
I suoni sono nitidi, ben equalizzati, mai troppo acuti e nemmeno ovattati. Il telefono sfrutta la
capsula anteriore (quella dove si appoggia l’orecchio in fase di chiamata) a completamento di quella
inferiore, posizionata accanto allo slot di ricarica (in type -c). Il risultato è un audio in stereo che
non gracchia mai, anche al massimo del volume. Non riuscirete più a staccarvi da YouTube o da
Spotify.
Sul lato connettività, troviamo il wifi 802.11 a/b/g/n/ac, il bluetooth 5.0, il GPS e la comodissima
IRDA, per utilizzare il telefono come un telecomando.
È presente il 4G+ e…udite udite…la banda 20, fondamentale per i clienti Wind e Iliad.
Il telefono è un dual sim 4G, ma, nel caso aveste un solo numero, potrete sempre sfruttare il
secondo slot per alloggiarvi una memory card, che aumenti la capacità di storage.
Passando all’hardware, lo smartphone monta l’economicissimo (in termini di risparmio energetico,
capirete dopo perché) e longevo Snapdragon 636.
Sul lato RAM potrete scegliere un taglio da 4gb (ve lo consiglio) o da 6gb.
Tra gli storage invece potrete acquistare la versione a 64gb o il più capiente 128gb (prendete questo,
lo spazio non è mai abbastanza).
Quanto al comparto fotografico, sul retro è posizionata una camera da 12 mpx + 2 mpx (a
semaforo) con apertura F1.9. Anteriormente invece troverete una fotocamera da 8 mpx con apertura
F2.
Gli scatti sono nitidi e ben bilanciati di giorno, di notte però soffrono del classico rumore digitale.
I selfie a me non sono piaciuti perché restituiscono scatti troppo levigati e sovraesposti. Per farvi un
esempio, avete presente quanto inquadrano Barbara D’Urso? Sembra sia apparsa la Madonna, con
tutte quelle luci! Ecco, l’effetto è più o meno simile e a me personalmente non piace.
Ma veniamo al clou, al pregio che vi farà amare questo telefono e che non vi farà più tornare
indietro: la batteria.
Sotto la scocca del Max 3 batte una “bestia” di ben 5500 mAh…un mostro che farete fatica a
scaricare!
Scordatevi di non arrivare fino a sera e fate una bella pernacchia all’Iphone XS Max!
Con un uso ponderato farete tranquillamente tre (dico tre!) giorni di autonomia. Potrete
tranquillamente scordarvi il caricabatterie a casa e prendere in giro i vostri amici.
Carenze? Manca l’NFC, ma stiamo parlando pur sempre di un medio gamma.
Venendo alle conclusioni, a me questo telefono è davvero piaciuto, tant’è che è diventato il mio
principale terminale.
Certo, è un po’ difficile da maneggiare, anche se la modalità ad una mano fa egregiamente il suo
mestiere. Una volta abituati però vi assicuro che non tornerete più indietro e tutti gli altri
smartphone vi sembreranno dei giocattoli.
Ultime due cose e poi, giuro, la smetto davvero: la sensazione in mano e il prezzo.
Al tatto si presenta abbastanza scivoloso, motivo per il quale è vivamente consigliabile una back
cover.

Quanto al prezzo…signori…tenetevi forte: poco più di € 200,00 su Gearbest e su altri store online
per la China version; intorno ai 250,00 € in versione global (che vi consiglio) sui siti dei principali
importatori europei, con consegna ultrarapida e garanzia Italia 24 mesi.
Alternative? Sicuramente la serie Note di Honor e il Huawei Mate 20 X sono dei concorrenti del
Max e, ma perdono la partita sul prezzo, in quanto di gran lunga (molto di gran lunga) più cari.
Ah già…dimenticavo: sul terminale è montata la MIUI 10, che presto sarà aggiornata alla versione
11. Proprio in questo momento inoltre è in roll out Android Pie, già disponibile per le China
version.
Ora ho davvero finito.
Che dirvi…compratelo! Ve l’ho già detto che non tornerete più indietro? Hihihihi!
Ve lo dice uno che ha avuto tutta la serie del Max e che sta aspettando con l’acquolina in bocca la
versione 4. Non vedo l’ora!

 

Stay Tuned!


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

"GDPR" Richiesta di dati personali

Seleziona la tua richiesta: