Nuovo divieto di Instagram su contenuto suicidi

Nuovo divieto di Instagram su contenuto suicidi


Adam Mosseri Instagram

 

Il famoso social Instagram ha implementato un nuovo divieto su contenuti riguardanti grafica di autolesionismo dando spazio ad una gamma di contenuti che descrivono il suicidio, utilizzando contenuti grafici immaginari sull’autolesionismo e metodologie suicide come ad esempio: cartoni animati, meme e disegni.

“Lo scorso mese, abbiamo ulteriormente ampliato le nostre politiche per vietare più tipi di autolesionismo e contenuti suicidi. Non consentiremo più rappresentazioni immaginarie di autolesionismo o suicidio su Instagram, come disegni o meme o contenuti di film o fumetti che utilizzano immagini grafiche “, questo e ciò che ha scritto il capo di Instagram, Adam Mosseri, spiegando l’ultimo cambiamento di politica. “Rimuoveremo anche altre immagini che potrebbero non mostrare autolesionismo o suicidio, ma includeranno materiali o metodi associati.”

In merito all’autolesionismo quest’anno si è tenuto un incontro tra Adam Mosseri e il Segretario alla Slaute del Regno Unito per discutere insieme della politica che la piattaforma utilizzerà in merito a contenuti di autolesionismo. Da parte del Paese la nota compagnia ha subito non poche pressioni a seguito anche di una protesta pubblica dopo che la famiglia di Molly Russell, una studentessa britannica di appena 14 anni che dopo aver visionato materiale suicida sulla piattaforma Instagram si è suicidata, rendendone pubblica la tragedia parlandone con la BBC.

A febbraio la piattaforma social media proprietà di Facebook Inc. ha annunciato che vieterebbe immagini grafiche che mostrano atti di autolesionismo, come ad es. il taglio, e ne limiterebbe l’accesso a contenuto non grafici di autolesionismo, come immagini riguardanti cicatrici guarite, ovviamente non raccomandandolo nelle ricerche.

All’epoca girava l’idea di utilizzare schermi sensibili per offuscare contenuti risultanti atti suicidi non grafici, affermando che si stava consultando con esperti. Nel caso sembra ci sia la decisione di andare oltre, con l’intento di rimuovere contenuti di fantasia legati all’autolesionismo, cosi come a contenuti derivati alla pratica che descrivano metodi di suicidio/autolesionismo.

Il noto Social afferma di aver già raddoppiato la quantità di contenuti di autolesionismo su cui ha già agito a seguito del cambiamento di politica – così Mosseri afferma che nei tre mesi successivi al nuovo divieto di immagini grafiche di taglio “rimosso, ridotto la visibilità o aggiunto schermi di sensibilità a più di 834.000 contenuti ”.

Oltre ad un 77% di questo tipo di contenuto è stato identificato dalla piattaforma prima della sua segnalazione, aggiunge.

Un ultimo cambio di politica è in corso come viene confermato da un portavoce di Instagram.

Non è del tutto chiaro quanto sarà il tempo di azione per attuarlo e per renderlo efficacemente applicato. Adam Mosseri ha dichiarato alla BBC News: “Ci vorrà del tempo per la piena attuazione”, aggiungendo che: “Non sarà l’ultimo passo che facciamo”.

Il Capo di Instagram sul suo Blog scrive riguardo al cambio di Politica: “basata sulla consulenza di esperti di accademici e organizzazioni di salute mentale come i samaritani nel Regno Unito e la National Suicide Prevention Line negli Stati Uniti”, affermando: “Miriamo raggiungere il difficile equilibrio tra consentire alle persone di condividere le proprie esperienze di salute mentale proteggendo al contempo gli altri dall’esposizione a contenuti potenzialmente dannosi. ”

“Anche gli account che condividono questo tipo di contenuti non saranno consigliati nelle ricerche o nelle nostre aree di scoperta, come Esplora. E invieremo più persone più risorse con linee di assistenza localizzate come i samaritani e PAPYRUS nel Regno Unito o il National Suicide Prevention Lifeline e The Trevor Project negli Stati Uniti “, aggiunge.

Continua sostenendo che i problemi in questione sono complessi e che ” nessuna singola azienda o insieme di politiche e pratiche da sole può risolvere”, mentre la difesa continua a consentire alcuni contenuti suicidi e autolesionistici su Instagram dicendo “gli esperti ci dicono che dare alle persone un’opportunità per condividere i loro momenti più difficili e le loro storie di recupero può essere un mezzo vitale di supporto ”e che“ impedire alle persone di condividere questo tipo di contenuti potrebbe non solo stigmatizzare questi tipi di problemi di salute mentale, ma potrebbe impedire ai propri cari di identificare e rispondere a una richiesta di aiuto ”.

“Ma ottenere il giusto approccio richiede più di una singola modifica alle nostre politiche o un aggiornamento una tantum della nostra tecnologia. Il nostro lavoro qui non è mai finito. Le nostre politiche e tecnologie devono evolversi quando emergono nuove tendenze e i comportamenti cambiano “, aggiunge.

 

Stay Tuned!


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu